Ingredienti: Porcini, formaggio morlacco, pino mugo, erbe selvatiche e polenta del Mulino Favrin

 

Preparazione:

Porcino: pulire i funghi, scavare il gambo e con il ricavato preparare il ripieno; tritarlo finemente insieme allo spicchio d’aglio e allo scalogno. In una pentola far rosolare l’olio EVO aggiungere il trito e cuocerlo velocemente per un minuto, insaporirlo con sale e pepe e aggiungere il prezzemolo trito. Riempire con questo il gambo dei porcini.

Pino mugo: raccogliere gli aghi di pino mugo freschi, lavarli e staccarli dai rametti, frullarli con del burro delle malghe.

Morlacco del Grappa: sciogliere il formaggio morlacco a bagno-maria con aggiunta di latte intero e poi frullare per ottenere una vellutata.

Polenta: una volta che la polenta è cotta, aspettare il raffreddamento disponendola in una teglia dai bordi alti; quando è rappresa tagliarla a forma di piccoli cubi panarla nella sua stessa farina e friggere.

Erbe selvatiche: raccogliere le erbe di montagna, lavarle e preparare dei piccoli mazzetti.

 

Composizione del piatto: stendere a centro del piatto la vellutata di formaggio Morlacco, disporre, “in piedi”, nel mezzo i due porcini; a loro corona i tre cubetti di polenta fritta. A lato il mazzetto colorato di erbette selvatiche. Servire e gustare.